Papa Francesco sarà Juan Peron nel remake Rai di Evita: “Una grande gioia duettare con Madonna”

Sarà Jorge Mario Bergoglio il nuovo coprotagonista di Evita, il remake”.

La nuova musi-fiction prodotta dalla Rai, radiotelevisione vaticana, andrà in onda ai primi di giugno del 2016 per celebrare il settantesimo anniversario dell’elezione a first lady e guida spirituale di Argentina della celeberrima Eva Duarte al fianco del marito, il noto peronista Juan.Evita e Peron

Un vero e proprio scoop (non come altri presunti recenti, dimostratisi più bufale di un treno di mozzarelle battipagliesi) ed è targato La Boffata: lasciateci dire che siamo davvero orgogliosi di servirvelo in esclusiva dalle nostre erculee e virtuali colonne.

«Chi se non papa Francesco poteva interpretare un personaggio tanto complesso e sfaccettato come lo storico leader albiceleste?» – ha dichiarato ai nostri microfoni nascosti un’emozionata presidente Rai Monica Maggioni, da noi interpellata immediatamente (le notizie si verificano sempre, caro Bruno, ndr).

«Era necessario» – ha proseguito la Maggioni –  «trovare un autentico simbolo di quella meravigliosa terra che abbiamo tutti nel cuore e che risultasse, al contempo, molto popolare per il pubblico italiano, specie di un determinato target pubblicitario: abbiamo infatti inizialmente pensato a Maradona, poi a Caniggia, infine a Carlitos Tevez, ma li abbiamo scartati perché poco intonati. Poi l’idea è caduta su Jorge e ci siamo detti: Dio è davvero con noi».

La fiction, fortemente voluta da Palazzo Chigi, avrà sì un valore internazionale, ma anche uno di politica interna. Servirà, infatti, a festeggiare la nuova costituzione renziana che entrerà in vigore proprio il 2 giugno, in occasione del compleanno della Repubblica italiana. Ricorrenza che combacerà perfettamente con l’inizio dell’era-Peron, a sottolineare ancora, casomai ce ne fosse ulteriore bisogno, il profondo legame esistente tra i due Paesi.

«Matteo ha sempre amato l’Argentina e in particolare la figura del presidente Bergoglio» – ha confidato la signora Agnese Landini in Renzi – «tanto che ne ha ancora oggi un ritratto in cameretta regalatogli dal padre Tiziano in occasione della prima tripletta di Batistuta al Franchi. Per l’occasione il babbo gli diede pure una scatoletta di Simmenthal e un po’ di mate frizzante nella ciotola».

Ma è inutile dire che la carta vincente per convincere Sua Santità è stata Madonna.

Stupenda protagonista nel 1996 del film di Alan Parker al fianco di Antonio Banderas, Louise Vittoria Ciccone ha accettato di reinterpretare la parte di Evita dopo una lunga trattativa sul proprio compenso condotta dal suo entourage direttamente con il ministro delle finanze Padoan, che alla fine l’ha spuntata con gaudio (il dicastero avrebbe assicurato di aver trovato la copertura in extremis, inserendola nella prossima manovra di stabilità attualmente al vaglio delle Camere).

Intanto dal Vaticano filtra ancora molto riserbo, dati gli innumerevoli spifferi degli ultimi tempi. Ma le solite beninformate fonti anonime lateranensi hanno assicurato che il pontefice si trova “al settimo cielo” e che non poteva perdersi l’occasione di duettare con quella “santa operatrice del bel canto che piace al mondo”.

No llores por mì, Argentina.

A.Ivanovich, 26/10/15

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s