Il comizio

Piazza Venezia

Amore

mai

migliora

, casomai

Amplifica. Amore è un microfono

propagandante nell’aria

l’Essere tuo, null’altro che esso

 

altrimenti spento, o quantomeno

in sonno

sempre vivo, d’accordo,

anche se non

divampato.

 

Quel che vorrei suggerirvi, o popolo, è il seguente:

Amore non crea e non distrugge un bel niente.

 

esulta

Candido

se sei ricambiato:

lo sai che il timer

prima o poi va cambiato

e non credere che il giochino

valga poi tanto

la tua candela

 

Non resterà acceso a lungo il fuoco

di giorni chiuso come la prigionia

d’un Mandela

affranto: approfitta

della situazione,

fai l’arrampicatore

sentimentale, patteggiati

la multa

per divieto di permanenza

sulla zona pedonale

di questo mio elettorato.

 

Ma se Merda sei, o innamorato,

ascoltami: Amore

non fa come in un cartone

Animato. semmai

il tuo odore sarà elevato

al cielo e considerato

un stronzo vero

Alto come un solido

grattacielo

di Manhattan.

 

Non ti verrà

voglia di mutare

anzi

ti crederai

d’esser nel giusto, indi continuerai

a sapere di merda

sbaragliando la concorrenza

letale

che ti circonda.

 

Ma arriviamo al punto 2:

Amore non è un film.

 

Inutile illuderti un protagonista

alla moda, d’avere

le luci puntate sulla schiena:

rammentati che, in generale, quando stazioni

in quello Stato

Non ti fila nessuno, spesse volte neanche

il soggetto

amato.

 

Non hai un pubblico guardone

e fanatico

che conosce a menadito

tutti i passaggi

Della tua narrazione,

a te sembra

D’udire una voce che dice: “Vai, provaci,

muoviti!!!” Ma non è così. A nessuno importa

delle tue vicissitudini

interne; a nessuno, neanche ai più cari

amici

fraterni.

 

Per concludere, o uditorio incerto,

aggiungerei un ultimo concetto, il Punto 3:

Amore è fascismo.

 

Dirai, delira.

 

Amore è fascismo

perché schiaccia, soverchia, impone, obbliga, annienta;

perché ridonda ridicolo ed esagerando camuffa

e nulla fa

per non dimostrare

la sua idiozia

anzi ne è fiero, orgoglione,

come un fascista, appunto.

 

E’ ciò che esigo sottolineare, o melma informe:

Amore vuole sempre la sua uniforme

sotto la pelle e questo è un problema

per l’anima libera.

 

Libera ho detto, non sola.

 

Perché il Solo si darebbe in molo

Pur di rimanere sotto l’egida

dittatoriale. Venderebbe chissà che

per finire torturato,

Rinchiuso in un carcere -ma non in isolamento-

prigioniero sì, ma

decisamente contento.

Alexandr Ivanovich

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s